Rasputin: La fine di un regime

byJ.W. Bienstock

|Italian
February 12, 2016|
Rasputin: La fine di un regime by J.W. Bienstock
$11.15
Kobo ebook
Available for download

about

Mettiamo in testa a questo libro il nome di Rasputin, di questa figura fantastica, quasi leggendaria, perché nell’ultimo decennio del regime. zarista, Rasputin è colui che ne personifica più intensamente la follia e la criminalità, e perché la data della sua morte coincide, a pochi giorni di differenza, con quella della fine di questo regime. Il regno dell’ultimo dei Romanov, durato ventitré anni, è contrassegnato da una serie di atti che sembrano una sfida perpetua al popolo russo. Tutto quanto il paese possedeva in fatto di capacità e di onestà, era scartato dal potere, e intorno al trono si spingeva una folla sempre più numerosa di arrivisti, di avventurieri, di prostitute, di ladri e truffatori d’ogni sorta e d’ogni classe, di taumaturghi e stregoni, folla variegata di esseri strani, senza legge e senza fede, che scavavano un abisso, sempre più profondo, fra l’ imperatore e il suo popolo. L’espressione che, meglio di ogni altra, caratterizza i rapporti che, fin dall’ inizio di questo regno, si erano stabiliti fra la Corte e il popolo, è l’espressione che veniva correntemente usata nell’ambiente dell’ imperatore: “Noi ed essi”. Noi, cioè la Corte e i suoi due puntelli: la burocrazia inetta e la polizia depravata. Essi, cioè tutto il resto della Russia, l’immenso popolo di centosessantatre milioni di anime, nel quale si vedeva un nemico, momentaneamente soggiogato, ma che non bisognava mai dimenticare di trattare da nemico. La figura più spiccata, più straordinaria, più drammatica di questa Corte, unica nella storia dei tempi moderni, era, come abbiamo detto, Rasputin. Si è già molto scritto intorno a questo personaggio, troppo famoso; tuttavia non è stato ancora messo in luce né la sua biografia completa , né il carattere specifico e preciso della sua azione, né tutti i particolari della sua morte. Oggi possediamo dei documenti che ci permettono di colmare in parte questa lacuna. Abbiamo il giornale di una delle prime vittime di Rasputin, la moglie del generale Loktin che seguiva passo per passo il famoso staretz, ed ha notato i particolari più pittoreschi e più strani della sua vita così accidentata. Possediamo anche un altro giornale, quello del prete Eliodoro che fu dapprima fervido amico di Rasputin, e divenne più tardi il più accanito dei suoi nemici. E finalmente abbiamo ora incartamento completo dell’ inchiesta giudiziaria fatta in seguito all’assassinio di Rasputin. In grazia a questi elementi possiamo tracciare una biografia completa del personaggio o per lo meno darne le nozioni più essenziali. Ma perché si possa capire la parte rappresentata da Rasputin nella storia di questi ultimi anni, perché si possa capire come questo contadino analfabeta, rozzo, ripugnante, qualificato immondo (la tutti quelli che lo avvicinarono, abbia potuto essere per qualche tempo il vero dittatore della Russia, in luogo dell’ imperatore, ci occorre dire brevemente che cosa fosse la Russia e il suo sovrano.

Title:Rasputin: La fine di un regimeFormat:Kobo ebookPublished:February 12, 2016Publisher:David De AngelisLanguage:Italian

The following ISBNs are associated with this title:

ISBN - 10:6050386439

ISBN - 13:9786050386431

Appropriate for ages: All ages

Look for similar items by category: